Business Joomla Themes by Justhost Reviews

 

Novità introdotte dalla Legge di Stabilità per il 2014

Categoria: Ambito Legale e Tributario Pubblicato: Martedì, 10 Giugno 2014 Scritto da Donato Troia

 

Tra le principali norme introdotte negli ultimi mesi dell’anno passato aventi rilevanza fiscale abbiamo:

  • Perdite su crediti – Nei bilanci 2013, in caso di cancellazione di un credito dallo Stato Patrimoniale, si potrà dedurre la relativa perdita senza dover dimostrare la sussistenza dei requisiti della certezza e precisione, a patto che lo storno del credito sia stato posto in essere secondo l’applicazione corretta dei principi contabili e senza intenti elusivi.
  • Deduzione dei Contratti di Leasing per imprese e professionisti – Una modifica in senso positivo per i contribuenti, che si vedono ridurre il periodo minimo in cui l’investimento può essere portato in diminuzione dal reddito imponibile.
  • Rivalutazione del costo delle partecipazioni e dei terreni – I contribuenti che possiedono aree o partecipazioni non quotate avranno la possibilità di affrancarne il plusvalore maturato ai fini delle imposte sui redditi attraverso il versamento di un’imposta sostitutiva dal 2% al 4%.
  • Ammortamento di cespiti svalutati – La svalutazione di un’immobilizzazione non deducibile nell’esercizio è recuperabile sulla base del piano di ammortamento.
  • Novità del Modello UNICO – Aumentate detrazioni per figli a carico e donazioni in favore di Onlus e partiti politici, bloccata la detrazione per gli investimenti in start-up innovative, bloccato importo massimo dei premi assicurativi su vita o contro infortuni su cui calcolare le detrazioni, ridotta la percentuale della cedola secca per i contratti di locazione e per la loro deduzione forfetaria, modificato il riquadro per l’indicazione dei redditi di terreni e fabbricati.
  • Novità del Modello IRAP – Fissate regole per la correzione in bilancio in ordine all’imputazione temporale dei componenti di reddito di impresa. Per i componenti positivi viene ribadita la necessità di presentare una dichiarazione integrativa a sfavore entro i termini per l’accertamento. Per i componenti negativi, è stato rideterminato il credito di imposta risultante allo scopo di poterlo compensare con la dichiarazione del periodo di imposta. Se è stato indicato un componente negativo nel periodo di imposta sbagliato si è tenuti a eliminare gli effetti dell’erronea imputazione presentando dichiarazione a sfavore e provvedendo al versamento delle maggiori imposte. Successivamente si può recuperare la deduzione nel corretto periodo di imposta.
  • Modifica della classificazione degli impianti fotovoltaici – Adeguamento alla definizione catastale per la distinzione degli impianti in beni mobili o immobili, quando gli impianti costituiscono una centrale di produzione di energia elettrica autonomamente censibile nella categoria D/1 o D/10.
  • Nuove norme sulla tassazione dei trasferimenti immobiliari – Abbassamento dell’imposta di registro e applicazione di un’aliquota per trasferimento immobiliari a titolo oneroso, con in aggiunta una imposta ipotecaria e catastale fissa e l’introduzione dell’esenzione completa dall’imposta di bollo, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie.
  • Nullità dei controlli fiscali con accesso ingiustificato – L’accertamento è reso nullo dall’accesso e la verifica svolti nei locali aziendali in assenza di esigenze effettive di indagine e controllo sul luogo, a differenza della prosecuzione della verifica in locali differenti da quelli aziendali.
  • Test IVA per le società in perdita – Le società in perdita al test compensazione del credito IVA 2013, che hanno realizzato perdite fiscali nel triennio 2010-2012, avranno divieto di compensazione del credito IVA annuale.
  • Verifiche a campione sulle rimanenze in magazzino – L’amministrazione finanziaria potenzia l’utilizzo dello strumento di riscontro della consistenza delle giacenze per individuare cessioni non dichiarate. Due i modi di indagine: a campione o con una ricostruzione analitica delle merci in magazzino.
  • Le nuove tasse sulla compravendita di immobili – La tassazione dei contratti sulla vendita di immobili prevede l‘abbassamento dell’imposta di registro per l’acquisto della prima casa, il cambiamento dei requisiti “di lusso”, con i quali l’agevolazione per la prima casa non è concessa, e l’aliquota di tassazione di ogni altro trasferimento immobiliare a titolo oneroso.
  • Utilizzo su grande scala del ricavato da biomasse – Il biometano ottenuto dalle biomasse potrà essere immesso nella rete del gas naturale, a cui verrà miscelato, e sarà un sostituto del gas naturale in tutti gli usi, anche la produzione di energia elettrica e come combustibile.
  • Proroga delle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico – Lo sconto per la sostituzione di finestre e caldaie per il taglio dei consumi e il miglioramento dell’efficienza energetica è stato prorogato fino alla fine del 2014. I rimborsi di importo superiore a una certa soglia sono subordinati a controllo preventivo.
  • Variazione delle tasse su casa e lavoro – La TRISE si trasforma nell’Imposta Unica sugli Immobili (IUC), e viene introdotta una deducibilità al 30% ai fini IRES e IRPEF sui capannoni per l’IMU pagata nel 2013. Per quanto riguarda il lavoro, si concentrano sgravi IRPEF sui redditi sotto i 35mila euro, con un bonus massimo di circa 230 euro annui tra i 15mila e i 18mila euro. Sono stati, infine, stanziati 120 milioni per 3 anni per rafforzare la sperimentazione del reddito minimo di inserimento, grazie a un prelievo del 6% sulle pensioni d’oro.
  • Nuovi valori per quote e terreni – Altra chance per rivalutare partecipazioni e terreni posseduti da privati, previsto dalla Legge di Stabilità. La perizia e il versamento dell’imposta sostitutiva devono effettuarsi entro il 30 giugno 2014. Confermata anche la rivalutazione dei beni di impresa con imposta del 16%.
  • Interventi di recupero del patrimonio edilizio – Detrazione IRPEF delle spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio, a cui se ne aggiunge una ulteriore per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici.
  • Transfrontalieri – Il reddito da lavoro dipendente prestato all’estero in zone di frontiera o in Paesi limitrofi al territorio italiano in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto da soggetti residenti in Italia concorre a formare il reddito complessivo oltre una certa soglia.
  • Pubblicità on-line – Le società operanti nel settore della raccolta di pubblicità on-line e dei servizi ausiliari dovranno utilizzare indicatori di profitto diversi da quelli applicabili ai costi sostenuti per la propria attività, salvo ricorso a procedura di ruling di standard internazionale. I soggetti che vorranno acquistare pubblicità on-line dovranno farlo da soggetti titolari di partita IVA italiana rilasciata dall’Amministrazione finanziaria italiana. Gli spazi pubblicitari e i link sponsorizzati nelle pagine dei motori di ricerca, invece, dovranno essere acquistati esclusivamente da editori, concessionarie pubblicitarie, motori di ricerca o altri operatori pubblicitari titolari di partita IVA italiana.
  • Stampa quotidiana e periodica – La tracciabilità di vendite e rese è stata prorogata al 31.12.2014.
  • Attività finanziarie all’estero – La misura dell’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero (IVAFE) passa dall’1,5 per mille al 2 per mille.

Si resta a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.