Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.

Business Joomla Themes by Justhost Reviews

 

Prestazioni socio-assistenziali rese da Cooperative

Categoria: Ambito Lavorativo e Giuslavoristico Pubblicato: Venerdì, 18 Gennaio 2013 Scritto da Donato Troia

 

È, invece, disposta l’applicazione dell’aliquota Iva del 10 per cento sulle seguenti prestazioni:

- le prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell'esercizio delle professioni e arti sanitarie;

- le prestazioni di ricovero e cura rese da enti ospedalieri o da cliniche e case di cura convenzionate, nonché da società di mutuo soccorso con personalità giuridica e da ONLUS compresa la somministrazione di medicinali, presidi sanitari e vitto, nonché le prestazioni di cura rese da stabilimenti termali;

- le prestazioni educative dell'infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da ONLUS, comprese le prestazioni relative all'alloggio, al vitto e alla fornitura di libri e materiali didattici, ancorché fornite da istituzioni, collegi o pensioni annessi, dipendenti o funzionalmente collegati, nonché le lezioni relative a materie scolastiche e universitarie impartite da insegnanti a titolo personale ;

- le prestazioni proprie dei brefotrofi, orfanotrofi, asili, case di riposo per anziani e simili, delle colonie marine, montane e campestri e degli alberghi e ostelli per la gioventù, comprese le somministrazioni di vitto, indumenti e medicinali, le prestazioni curative e le altre prestazioni accessorie;

- le prestazioni socio-sanitarie, di assistenza domiciliare o ambulatoriale, in comunità e simili, rese da organismi di diritto pubblico, da istituzioni sanitarie riconosciute che erogano assistenza pubblica o da enti aventi finalità di assistenza sociale e da ONLUS.

L’aliquota Iva del 10 per cento riferita alla prestazioni sopra elencate si applica se le medesime sono rese da cooperative sociali e loro consorzi in esecuzione di contratti di appalto e di convenzioni in generalein favore dei seguenti soggetti:

- anziani ed inabili adulti;

- tossicodipendenti e di malati di AIDS;

- handicappati psicofisici;

- minori anche coinvolti in situazioni di disadattamento e di devianza;

- persone migranti, senza fissa dimora, richiedenti asilo;

- persone detenute;

- donne vittime di tratta a scopo sessuale e lavorativo.

Tuttavia la nuova aliquota del 10% si applica soltanto alle prestazioni rese in esecuzione di contratti di appalto e di convenzioni in generale, escludendo quindi le prestazioni effettuate “direttamente” ai soggetti svantaggiati (così come invece era previsto in precedenza).

Pertanto le cooperative saranno soggette a differenti regimi Iva a seconda che le prestazioni in argomento siano effettuate in esecuzione di appalti o convenzioni (aliquota del 10%) o siano effettuate “direttamente” (esenzione Iva).